Sangiovese I Mandorli: eccellenza toscana fuori dalle Docg.

Dici Sangiovese e pensi ad un’infinità di biotipi, di stili, livelli qualitativi, territori e tipologie vitivinicole. Non per caso è il vitigno a bacca rossa più coltivato in Italia con ubiqua diffusione da Nord a Sud. L’Italia centrale ne è la maggior depositaria con Toscana, Emilia Romagna, Umbria e Marche a detenere il primato. Citare il Sangiovese di Toscana significa, con ogni probabilità, pensare alle più rinomate Docg del Paese, ma non sta solo in quei territori l’eccellenza vitivinicola incarnata dal sangiovese. Come dimostra l’azienda I Mandorli, in Val di Cornia, nell’entroterra della Costa degli Etruschi, non lontano dal Golfo di Baratti. Viticoltura biodinamica e assenza di interventismo in cantina, come testimonia Massimo Pasquetti: “La cantina è un luogo di attesa, secondo noi ci si deve lavorare meno possibile. I procedimenti di correzione oggi ritenuti indispensabili a noi non servono.” Per capire che non servono basta stappare il Sangiovese de I Mandorli che è un capolavoro di equilibrio, sobrietà e finezza. Vinificato in cemento, svinato e affinato in botti di rovere da 16 hl per 18 mesi, viene poi trasferito due mesi in vetrocemento prima dell’imbottigliamento.

Ho stappato una 2012, oggi al suo picco qualitativo. Ha una piacevolezza olfattiva incarnata da una succulenta sequenza di frutti di bosco maturi e marasca; geranio e violetta tra i corredi floreali, istoriati da ricordi balsamici, profumi del sottobosco e richiami decisi di macchia mediterranea. I terziari non si fanno attendere con l’incedere di sfumature di spezie dolci, cuoio e tabacco. L’assaggio è l’apice del piacere con una sua struttura signorile, ma per nulla invadente: ha un’avvolgenza fruttata, succosa ed elegante, che viene vivacizzata da toni di spezie piccanti e da una sobrissima astringenza tannica: quest’ultima intriga, innerva, slancia in graduale verticalità il finale dell’assaggio che si chiude sulle note di una freschezza prolungata, non priva si sottili note sulfuree. Che buono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Vinovoro

Recensioni di vini e diari di degustazioni

Il vino di Francesca

Benvenuto nel mio blog!

Repubblica.it > Homepage

Blog di Maura Firmani

VICE IT - MUNCHIES

Blog di Maura Firmani

The Internet Gourmet

Blog di Maura Firmani

Natura delle Cose

Blog di Maura Firmani

tommasociuffoletti

sto mentendo.

Tasting Brothers

Vino per passione

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

LA FILLOSSERA

Innesti di vino e cultura

Vinidipietra

Il Blog di Federico Alessio

Il viandante bevitore

Blog di Maura Firmani

Vino al Vino

Un Blog di Franco Ziliani

Blog di Maura Firmani

l'eretico enoico

verovino realwine

SapereFood

Trova tutte le informazioni nazionali e internazionali sull'italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Intravino

Blog di Maura Firmani

Tipicamente

Blog di Maura Firmani

Enoiche illusioni

Blog di Maura Firmani

SenzaTrucco

Il documentario sulle donne del vino naturale

La stanza del vino

Storie di vino, storie di persone, storie di luoghi

gustodivino.it/

Vino naturale, buona cucina e altro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: